Onlus iscritte all’Anagrafe Unica: Online gli elenchi

Sono online sul sito dell’Agenzia delle Entrate le Onlus iscritte all’Anagrafe delle organizzazioni senza fini di lucro, aggiornate al luglio 2016.
Gli elenchi sono suddivisi per Regione  con riferimento alla sede legale dell’organizzazione.

I dati riguardano: denominazione, codice fiscale, sede legale e settore dove l’ente svolge la propria attività.

Non sono presenti le cosiddette “Onlus di diritto”, cooperative sociali, organizzazioni di volontariato e associazioni, in quanto questi soggetti sono iscritti nei diversi registri regionali di competenza.

 

La pubblicazione degli elenchi risponde alle esigenze di trasparenza dei donatori  che vogliono destinare, con sicurezza, erogazioni liberali o attività volontarie verso le Onlus effettivamente riconosciute dall’Agenzia.
Le erogazioni liberali a favore delle Onlus inserite in questi elenchi possono essere detratte dall’imposta lorda nella misura del 26% fino a un massimo di 30mila euro annui di donazione, oppure gli importi possono essere dedotti nel limite del 10% del reddito complessivo e, comunque, nella misura massima di 70mila euro.

 

Chi sono
Le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e gli altri enti di carattere privato, con o senza personalità giuridica, se in possesso di determinati requisiti, possono usufruire di rilevanti agevolazioni fiscali e di un regime tributario agevolato per quanto riguarda le imposte sui redditi, l’Iva e le altre imposte indirette.
Per beneficiare delle agevolazioni i soggetti interessati devono chiedere l’iscrizione all’anagrafe delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus), presentando una comunicazione all’Agenzia delle Entrate.
Questo adempimento non è richiesto alle cosiddette “Onlus di diritto”: le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri istituiti dalle regioni e dalle province autonome (Legge 266/1991) che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali indicate nel decreto 25/5/1995. le Organizzazioni non governative (Ong) riconosciute idonee (Legge 49/1987) le cooperative sociali iscritte nella “sezione cooperazione sociale” del registro prefettizio (Legge 381/1991) i consorzi costituiti interamente da cooperative sociali.

 

Le agevolazioni
Tutte le agevolazioni sono indicate nel Dlgs 460/1997. Ai fini delle imposte dirette, per esempio: non è considerata attività commerciale lo svolgimento di attività istituzionali non concorrono alla formazione della base imponibile i proventi derivanti dall’esercizio di attività connesse o le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di contributo o quote associative non concorrono alla formazione del reddito i fondi raccolti durante manifestazioni pubbliche occasionali, anche se in contropartita di beni di modico valore o di servizi non concorrono alla formazione del reddito i contributi corrisposti da amministrazioni pubbliche in regime convenzionale. Per quanto riguarda l’Iva, per esempio, non c’è l’obbligo di ricevuta o scontrino fiscale per le operazioni riconducibili alle attività istituzionali. Tra le agevolazioni riguardanti le altre imposte indirette rientra l’esenzione dall’imposta di bollo e dalla tassa sulle concessioni governative.

 

I requisiti
I requisiti richiesti per essere ammessi alle agevolazioni sono indicati nell’articolo 10 del Dlgs 460/1997. Tra questi:

  • lo svolgimento di attività in determinati settori (assistenza sociale e sanitaria, beneficenza, istruzione e formazione, sport dilettantistico, ricerca scientifica, promozione della cultura e dell’arte, tutela dei diritti civili, tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico e altre)
  • il perseguimento di finalità di solidarietà sociale
  • il divieto di distribuire utili e avanzi di gestione e l’obbligo di impiegarli per realizzare le attività istituzionali
  • l’obbligo di devolvere il patrimonio, in caso scioglimento, ad altre Onlus o a fini di pubblica utilità
  • l’obbligo di redigere il bilancio o rendiconto annuale e di usare nella denominazione la locuzione “organizzazione non lucrativa di utilità sociale” o dell’acronimo “Onlus”.

Non sono ammessi a fruire delle agevolazioni: enti pubblici società commerciali diverse da quelle cooperative enti conferenti (Legge 218/1990) partiti e movimenti politici organizzazioni sindacali associazioni di datori di lavoro associazioni di categoria.

 

La comunicazione all’Agenzia delle Entrate
Per chiedere l’iscrizione all’anagrafe delle Onlus e usufruire delle agevolazioni, occorre inviare il modello di comunicazione alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito territoriale si trova il domicilio fiscale del soggetto richiedente.
Alla comunicazione va allegata una dichiarazione sostitutiva, sottoscritta dal legale rappresentante della Onlus, nella quale si devono attestare le attività svolte e il possesso dei requisiti. In alternativa alla dichiarazione, può essere allegata una copia dello statuto o dell’atto costitutivo.
La comunicazione va inviata entro 30 giorni dalla data di redazione (se atto pubblico) o di autenticazione o registrazione (se scrittura privata) dello statuto o dell’atto costitutivo. Se l’invio è effettuato oltre questo termine, le agevolazioni si applicheranno dalla data di presentazione della comunicazione. I documenti devono essere spediti tramite raccomandata, in plico senza busta, con ricevuta di ritorno o consegnati in duplice copia alla Direzione regionale competente.

 

Per informazioni chiedere all’Area servizi per le Gestione di Ciessevi, dal lunedì al venerdì, dalle ore 14 alle 19, al numero 02.45475857 o scrivere una e-mail a: consulenza@ciessevi.org

 

Fonte: Fisco Oggi

 

Lascia un commento