Alleanza profit e non profit per un volontariato di competenze

Vdossier-Alleanza-profit-nonprofit-per-un-volontariato-di-competenze

E’ stato pubblicato il numero di Vdossier dal titolo “Lavoro di squadra. Alleanza profit e non profit per un volontariato di competenze”dedicato al rapporto tra profit e non profit.
 

L’esplosione del fenomeno della Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI) in Italia, negli ultimi anni, ha favorito un incremento delle collaborazioni, delle partnership e delle sinergie tra imprese e organizzazioni non profit. E si è scoperto che ci sono molte connessioni dentro mondi che solo in apparenza sono a distanza siderale.
 

E’ vero che questa osmosi sta avvenendo più nella teoria che nei fatti; che sta avvenendo più nelle multinazionali e nelle grandi aziende, che non nella miriade di medie e piccole imprese che sono la spina dorsale del sistema produttivo dell’Italia, ma è anche vero che profit e non profit sono due “mondi” che hanno enormi potenzialità di interazione e collaborazione, e che forse non sono mai riusciti ad allearsi veramente, mettendo in gioco le loro reciproche competenze, conoscenze ed esperienze. Risultato? I due ambiti hanno sprecato numerose occasioni di crescita, non hanno saputo e voluto valorizzare tante chance che avevano a disposizione.
 

E’ dunque possibile trovare delle occasioni di dialogo e collaborazione tra imprese e organizzazioni non profit ragionando intorno alle questioni che generalmente sono accostate al concetto di responsabilità sociale? Questo interrogativo costituisce il punto di partenza di questo numero di Vdossier.
 

E, in questo quadro, è parso coerente chiedersi se il concetto di RSI possa fungere da “ponte di raccordo etico e ideologico” tra realtà diverse, disegnate frequentemente in termini antitetici. A ispirare una simile prospettiva di ricerca sta la convinzione che questi due “mondi” si possono avvicinare, che certamente si tratta di un’operazione avventurosa, che forse non è stata finora tentata (o se qualora lo è stata, lo è stata troppo poco), ma che è possibile.
 

Se, quindi, per il futuro del profit è sempre più cruciale investire su forme di volontariato aziendale per provare anche lungo questa strada ad affrontare e sconfiggere la crisi, ecco che anche le organizzazioni di volontariato hanno davanti a sé una sfida da vincere in futuro prossimo. Perché gli enti non profit devono interagire, collaborare, sviluppare progetti, costruire partnership e lavorare sempre più a stretto contatto con le imprese profit. Ma questa strada richiede una svolta culturale da parte delle organizzazioni di volontariato: non si tratta più solamente di bussare alle porte delle aziende per chiedere un sostegno economico per le iniziative che il non profit vuole mettere in campo, piuttosto si tratta di sviluppare insieme progetti ed eventi di solidarietà.  Come? Mettendo in gioco e in compartecipazione capitale economico e umano di ciascuno.
 

La realizzazione di questo numero è stata possibile grazie ai contributi gratuiti di Alessia Anzivino e Giuliana Baldassarre di Cergas Bocconi; di Luciano Zanin Presidente Assif (Ass. italiana fundraiser); di Carlo Mazzini esperto non profit; di Tommaso Amirante, avvocato socio di Latham&Watkins; di David Eisner di AmeriCorps Vista dalla rivista statunitense Stanford Social Innovation Review.

 
Scarica Vdossier in versione pdf
 
 

 
Sfoglia:

Lascia un commento